card. Rylko: "La Chiesa ha bisogno di voi e conta su di voi!"

Versione stampabileVersione stampabile

XIV Assemblea nazionale dell’Azione Cattolica Italiana
“Vivere la fede, amare la vita”
L’impegno educativo dell’AC
(6/8 maggio 2011 - Roma, Domus Pacis, via di Torre Rossa, 94)
Comunicato n. 5
 
«La Chiesa ha bisogno di voi e conta su di voi!»
Il saluto del card. Stanislaw Rylko all’XIV Assemblea nazionale dell’AC
 
«Avete una storia estremamente ricca di frutti nell’ambito della formazione di un laicato maturo nella fede e animato da un profondo senso ecclesiale. Quanto impegno apostolico e quanto amore per la Chiesa l’Azione Cattolica riesce a sprigionare in tanti fedeli!» Così il card. Stanislaw Rylko, Presidente del Pontifico Consiglio per i Laici nel suo saluto ai partecipanti alla XIV assemblea nazionale dell’Azione Cattolica Italiana.
«La straordinarietà vitalità e il dinamismo missionario dell’Azione Cattolica Italiana suscitano nella Chiesa universale grande ammirazione e speranza. Come associazione di laicato cattolico, siete un importante punto di riferimento per l’Azione Cattolica di molti paesi in vari continenti. In questo senso avete una importante missione da compiere. Ed oggi io sono qui per dirvi, a nome della Chiesa, un sentito grazie per il vostro impegno nell’ambito del Forum Internazionale dell’Azione Cattolica, del quale siete una vera forza trainante».
«Quello odierno», ho sottolineato il card. Rylko, «è un mondo in cui è evidente una diffusa eclissi del senso di Dio; la fede non può più essere data per scontata, perfino nelle nostre comunità»

Da qui nasce l’urgenza - per il presidente del Pontificio Consiglio dei Laici - «dell’educazione alla fede nelle nostre associazioni laicali, cioè di una vera e propria iniziazione cristiana dei battezzati, tenendo ben presente che - come dice Benedetto XVI - “All’inizio dell’essere cristiano non c’è una decisone etica o una grande idea, bensì l’incontro con un avvenimento, con una Persona, che dà alla vita un nuovo orizzonte e con ciò la direzione decisiva”».